Skip to content

Requisiti di idoneità per richiedere il visto USA

Quando si richiede un visto da non-immigrante al consolato o all’ambasciata americana, il funzionario controllerà con cura la pratica del richiedente per capire l’idoneità del candidato al visto USA. Infatti, l’idoneità viene valutata non solo dal soddisfacimento dei requisiti giuridici stabiliti.

Incide molto sulla decisione il rischio o probabilità che il viaggiatore possa immigrare illegalmente negli Stati Uniti. Per questo motivo, ci sono degli accorgimenti che aiutano a dimostrare la propria idoneità e credibilità nella richiesta del visto. Vediamoli insieme.

Legami con l’Italia

Si consiglia di preparare documenti, meglio se ufficiali, che dimostrino i legami familiari fuori dagli Stati Uniti.

Possono essere presentati certificato di nascita, di matrimonio o divorzio, o di stato di vedova/o, e altri documenti che dimostrino lo stato di famiglia, compresi se si hanno dei figli.

Dimostrare il legame con l’Italia è fondamentale per dimostrare idoneità nella richiesta del visto USA.

Situazione economica personale

Un altro accorgimento è quello di mostrare una posizione economica agiata che permetta il proprio soggiorno negli USA. Possono essere utili a tale fine documenti come:

  • contratto di lavoro;
  • certificato di proprietà di imprese;
  • dichiarazione dei redditi;
  • documenti che mostrino che si è studenti;
  • conti correnti;
  • libretti di risparmio;
  • investimenti;
  • fondi di risparmio;
  • beni di qualsiasi tipo;
  • mutui o contratti di affitto;
  • pensioni;
  • altri redditi.
passaporto-elettronico
Clicca sul passaporto e leggi quale passaporto italiano è valido per andare negli Stati Uniti

Idoneità per visto USA: altre particolarità da curare

Sebbene si debba inoltrare qualsiasi documento che identifichi il richiedente, il funzionario consolare non è obbligato ad esaminare la documentazione fornita.

Nel caso di domanda di visto per turismo, transito e business, può essere utile e pratico avere una lettera di invito redatta da un cittadino americano o da qualsiasi altro tipo di residente permanente negli Stati Uniti.

A seconda del visto richiesto, i documenti che devono essere forniti sono differenti, come, ad esempio, tra un visto da studente ed uno da lavoro temporaneo. Ѐ sempre bene fornire i documenti indicati precedentemente poiché basilari per qualsiasi domanda di visto.

Casi di diniego del visto americano

Non è inusuale che un visto non venga approvato. Le motivazioni sono diverse e articolate, ma quasi sempre riguardano la sfera economica e i legami con il paese. In un’unica espressione, è venuta meno l’idoneità della richiesta del visto USA.

Il funzionario americano incaricato difficilmente approverà un visto nei documenti inoltrati si riscontrano difficoltà economiche. Questo è un forte segnale di interesse a lavorare negli USA. Infatti, con il mancato rilascio evita che il richiedente possa restare illegalmente nel paese.

Altre motivazioni di diniego del visto possono essere:

  • requisiti sanitari non rispettati;
  • reati commessi in passato;
  • aver soggiornato negli USA oltre i 3 mesi consentiti dall’ESTA. In questi casi, il divieto di tornare negli Stati Uniti varia dai tre ai dieci anni.

Seguendo queste indicazioni sicuramente aumenterai le possibilità di vederti premiato con il visto USA.