viaggio negli Stati Uniti di vaccinati con lo Sputnik V

Le nuove regole chiudono la porta a coloro che sono vaccinati con lo vaccino russo Sputnik V

Gli Stati Uniti hanno annunciato la scorsa settimana che avrebbero presto aperto le porte ai viaggiatori stranieri vaccinati contro il coronavirus, allentando le restrizioni per ampie fasce di visitatori internazionali per la prima volta dall’inizio della pandemia.

Tra questi gli italiani beneficieranno dell’apertura USA e potranno quindi presto riprendere i viaggi verso oltreoceano con misure d’ingresso decisamente piú accettabili ed alla portata del viaggiatore medio.

Se da un lato le nuove regole che entreranno in vigore a Novembre sembrano premiare l’Europa , la Cina ed altri paesi, dall’altro escluderanno anche molti viaggiatori che si considerano completamente immunizzate, inclusi i milioni che hanno ricevuto due dosi del vaccino russo Sputnik V.
 

Centinaia di migliaia di russi – direttamente colpiti dalle nuove misure

Nonostante le gelide relazioni diplomatiche e la domanda limitata di viaggi internazionali, secondo la US Travel Association, circa 300.000 russi hanno visitato gli Stati Uniti nel 2019, l’ultimo anno per il quale sono disponibili dati certi.

Più in generale, il piano degli Stati Uniti è un altro colpo per i produttori di Sputnik V, che Mosca ha proclamato con orgoglio come il primo vaccino contro il coronavirus ad essere registrato per l’uso.

Sebbene il vaccino fosse destinato a essere un potente strumento di diplomazia pandemica, la sua limitata accettazione all’estero e i lenti tempi di consegna, lo hanno lsciato indietro rispetto i vaccini occidentali ed anche rispetto quelli realizzati dai produttori cinesi.

Questo è un grosso problema per i viaggiatori russi e per le persone che in altri paesi che hanno ricevuto lo Sputnik V”, ha detto in una e-mail Judyth Twigg, professoressa alla Virginia Commonwealth University che tiene traccia della salute pubblica in Russia.

Il Russian Direct Investment Fund, il fondo sovrano che ha sostenuto lo Sputnik V, ha affermato in una nota che non solo il vaccino “è stato approvato in 70 paesi in cui vivono oltre 4 miliardi di persone, ovvero oltre la metà della popolazione mondiale, ma la sua efficacia e la sicurezza sono state confermate sia durante gli studi clinici sia durante il suo utilizzo nel mondo reale in un discreto numero di paesi”.

Il fondo di investimento, poi, prosegue nella sua dichiarazione: “Siamo contrari ai tentativi di politicizzare la lotta globale contro il COVID-19 e discriminare i vaccini efficaci per guadagni politici o economici a breve termine”.

Customs and border protection agency

Dogane e Polizia di Frontiera degli Stati Uniti

Il nuovo piano d’ingresso nel paese con una Esta o con un visto USA prevede che la maggior parte dei cittadini che richiedono l’ingresso negli Stati Uniti, siano vaccinati con iniezioni approvate per l’uso di emergenza dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti (FDA) o dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Ciò include i vaccini prodotti da Pfizer e Moderna, così come le dosi sviluppate da aziende cinesi come Sinopharm e Sinovac.

Ma lo Sputnik V, un vaccino adenovirus sviluppato dal Centro nazionale di ricerca epidemiologica e microbiologica N. F. Gamaleya di Mosca, deve ancora essere approvato dall’OMS.

L’agenzia per la salute globale questa settimana ha dichiarato di aver sospeso il processo di revisione del vaccino, citando preoccupazioni per le pratiche di produzione negli impianti in Russia e dubbi in merito al fatto che il vaccino possa essere prodotto in modo coerente secondo gli standard necessari.

Parlando a una conferenza a Vladivostok questo mese, l’agenzia di stampa russa Tass ha riportato le parole del capo dell’RDIF Kirill Dmitriev, il quale ha affermato che “il riconoscimento reciproco dei vaccini è il problema di quest’anno” e ha aggiunto che un “numero di aziende ‘Big Pharma’ intenzionalmente, per una questione di rivalità, stanno tentando di limitare lo Sputnik e assorbire i mercati”.

A differenza di altre nazioni, gli Stati Uniti non avevano restrizioni generali sui viaggi dalla Russia prima di questo annuncio, il che significa che tutti i viaggiatori del paese risultati negativi al coronavirus potevano essere ammessi negli Stati Uniti secondo le linee guida dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Ciò cambierà a Novembre, proprio quando le porte si apriranno a milioni di viaggiatori provenienti dall’Europa e da altre parti del Mondo.
 

Le nuove regole statunitensi non riguarderanno solo i russi

Sputnik V, Messico

la gente riceve lo Sputnik V a Campo Marte, Messico

Secondo i dati del Global Health Innovation Center della Duke University, in tutto il mondo sono state acquistate circa 448 milioni di dosi di Sputnik V, molte delle quali destinate a nazioni a basso reddito.

Alcuni governi si sono lamentati della lentezza delle consegne dalla Russia. Le limitate opzioni di viaggio rischiano di aumentare ulteriormente le critiche in merito al vaccino russo.

“La Russia ha sprecato l’opportunità di utilizzare questo vaccino come strumento diplomatico”, ha detto Twigg, citando i problemi di produzione intorno allo Sputnik.

L’ambasciata russa a Washington ha rifiutato di commentare la nuova politica degli Stati Uniti.

Sputnik V, inoltre, non è l’unico vaccino che rischia di avere problemi. Né la FDA né l’OMS hanno autorizzato il Covaxin indiano, di cui finora sono state acquistate 560 milioni di dosi, principalmente in India.

Le persone vaccinate con Covaxin potrebbero non essere autorizzate a visitare gli Stati Uniti a Novembre.

Ci sono state controversie anche con altri governi che non hanno accettato alcuni vaccini, come il rifiuto della Gran Bretagna di riconoscere pienamente i vaccini somministrati in molte parti del mondo.

Ma per Sputnik V, un vaccino che ha adottato un approccio sfacciato e talvolta conflittuale con i suoi rivali, l’incapacità di garantire l’elenco degli usi di emergenza all’OMS o un elenco simile all’Agenzia europea per i medicinali, un organismo dell’UE, è stato un grave colpo alla sua reputazione.

Nonostante la recente sospensione del processo di approvazione dell’OMS, il RDIF ha affermato che “il ministero della Sanità russo è in costante contatto con gli esperti dell’OMS sul processo di approvazione e restiamo fiduciosi che l’approvazione di Sputnik V da parte del regolatore sanitario globale sia imminente grazie agli eccezionali risultati del vaccino”.
 

E tuttavia lo Sputnik V non è approvato approvato dall’UE, né dall’OMS

Alcuni esperti di immunizzazione hanno timori più ampi che gli Stati Uniti confermino la decisione e anche altri paesi potrebbero creare due classi di persone vaccinate in tutto il mondo – una che è in grado di viaggiare liberamente e l’altra no.

In Russia e in altri paesi, le agenzie di viaggio hanno già iniziato a offrire ai clienti facoltosi viaggi all’estero, anche in luoghi come la Serbia, in modo che possano essere vaccinati con dosi più accettate.

Alexander Gabuev, un membro anziano del Carnegie Moscow Center, ha affermato che c’era una crescente frustrazione tra “coloro che avevano soldi e potere” per il fatto che i loro vaccini non fossero tra quelli accettati.

Alcuni diffondono “teorie del complotto”, ha detto Gabuev, di cui una in cui “tutti invidiano la Russia come la nazione che ha sviluppato il primo vaccino e così le potenze occidentali hanno cospirato contro lo Sputnik V”.