Specchio d'acqua del Lincoln Memorial, con l'obelisco sullo sfondo

Washington DC, punto di riferimento e capitale degli Stati Uniti d’America, è uno dei luoghi più riconoscibili nel mondo. La sua iconica collezione di imponenti edifici e monumenti, disposti attorno al centro commerciale nazionale, ha ospitato innumerevoli eventi storici, marce e discorsi. La creazione di questo scenario impressionante non è avvenuta per caso: Washington DC è una città pianificata.

In questo articolo andremo ad indagare come è nata Washington DC, come è stata progettata e come è cresciuta, fino a diventare il cuore simbolico della nazione.

Washington DC: qual è il significato del DC?

La sigla D.C. dopo il nome Washington indica il distretto di appartenenza della città, noto anche come District of Columbia. Dunque, serve appunto a distinguere il distretto di Washington dalla città vera e propria. Non solo: serve anche per contraddistinguere la capitale federale, il suo distretto e lo stato di Washington, al confine con la Columbia Britannica, in Canada.

Gli stati del Maryland e della Virginia donarono ciascuno un terreno per formare il Distretto Federale della Columbia, che fu formalizzato con la firma del Residence Act il 16 luglio 1790.

Storia di Washington DC

Chiamata in onore del primo presidente americano George Washington, la città fu fondata nel 1791. L’obiettivo fondamentale era servire come capitale per il nuovo paese che aveva dichiarato l’indipendenza 15 anni prima.

La Costituzione degli Stati Uniti autorizzò la creazione di una città che fungesse da permanente residenza per il governo del paese, il quale non avrebbe fatto parte di alcuno stato.

A seguito di un compromesso tra i politici del nord e del sud, George Washington scelse una zona sul fiume Potomac, sulla costa orientale del paese, come sito per la nuova capitale.

Cartina di Washington e progettazione della città

Per progettare la capitale moderna, Washington commissionò la pianificazione e la progettazione della cartina della città all’ingegnere francese Peter Charles L’Enfant.

Fortemente influenzato dalla sua nativa Parigi, il piano dell’ingegnere è stato costituito da una griglia di strade sovrapposte con ampi viali diagonali che si irradiano dalle piazze cerimoniali.

Al centro del piano c’era il Campidoglio degli Stati Uniti collocato su una piccola collina esistente, che L’Enfant descrisse come un “piedistallo in attesa di un monumento”.

Vista aerea del Campidoglio a Washington DC
Campidoglio di Washington DC

Davanti alla nuova sede del governo centrale del paese si estendeva una “grande strada” fiancheggiata da molti giardini, lunga circa un chilometro e mezzo e larga 120 metri, che sarebbe diventata nota poi come National Mall.

Direttamente di fronte al Campidoglio, alla fine di questo viale, fu progettata una statua equestre di George Washington, con la President’s Mansion – La Casa Bianca – direttamente a nord di questo monumento. Il palazzo e il Campidoglio erano uniti da un viale diagonale per completare il triangolo.

A seguito di numerose controversie però, L’Enfant fu alla fine licenziato dal progetto insieme ad Andrew Ellicott, il quale aveva lavorato duro per sorvegliare la città ed era stato incaricato di completare il progetto.

Si può tranquillamente affermare però che il piano di L’Enfant ha fornito il quadro per una città moderna che si è evoluta per diventare poi la capitale amministrativa e simbolica degli Stati Uniti. Inoltre, è piena di tantissimi monumenti di cui parleremo più avanti.

Primo presidente alla Casa Bianca

Nel 1800 furono completati i primi due principali edifici pubblici della nuova città. La sede del governo finalmente si spostò a Washington e il presidente John Adams si trasferì nella residenza. La Casa Bianca fu progettata dall’architetto irlandese James Hoban in stile neoclassico.

Entrambi gli edifici furono dovuti essere ricostruiti dopo che gli inglesi bruciarono la città nel 1814, ed entrambi sono stati sostanzialmente ampliati da allora.

Obelisco Washington

Obelisco a Washington DC
Obelisco Washington

La statua equestre di Washington di cui parlavamo in precedenza, progettata a capo del grande viale, non si materializzò mai. Alla fine, fu solo nel 1848 che iniziò la costruzione di un monumento diverso dal primo presidente della nazione.

Sebbene questo monumento fosse originariamente concepito per essere collocato in un punto direttamente allineato con il centro della Casa Bianca e il Campidoglio, il terreno in questa posizione si rivelò troppo instabile per sostenere il vasto obelisco proposto.

Pertanto, l’obelisco, progettato dall’architetto Robert Mills, si trova a 119 metri ad est della posizione prevista. Fino ai nostri giorni, questo reca grande fastidio per coloro che amano le cose allineate. A causa della mancanza di fondi, la costruzione dell’obelisco fu interrotta tra il 1854 e il 1877. Infatti, si può notare un evidente cambiamento nel colore delle pietre a circa un terzo della salita del monumento.

Completato poi finalmente nel 1884, l’obelisco Washington, alto 169 metri, rimane la struttura in pietra più alta del mondo. Per breve tempo è stato la struttura artificiale più alta del mondo in assoluto, prima che fosse superato nel 1889 dalla Torre Eiffel.

Storia del National Mall di Washington

Durante tutto il diciannovesimo secolo, il piano di L’Enfant per un centro cerimoniale fu in gran parte dimenticato. Questo è dovuto all’utilizzo del National Mall per attività meno glamour di quelle che erano state preventivate. Infatti, venne utilizzato maggiormente per attività come il bivacco, le sfilate delle truppe, la macellazione del bestiame e la produzione di armi. Sebbene il Mall non fosse stato quindi al centro di molta attenzione, fu ampliato ad ovest nel XIX secolo.

Fino al 1881, il fiume Potomac scorreva vicino al monumento a Washington. Tuttavia, una grande inondazione della città quell’anno spinse il Congresso a ordinare al Corpo degli Ingegneri dell’Esercito di dragare un canale profondo nel Potomac e di utilizzare il materiale di scavo per costruire le sponde del fiume. Questa terra bonificata divenne nota come West Potomac Park, un’area che sarebbe diventata la dimora di molti dei monumenti del National Mall.

All’inizio del 1900, la visione di L’Enfant per una grande capitale nazionale era minacciata, con edifici posizionati a caso e che invadevano il centro commerciale. Tra di loro c’erano una stazione ferroviaria, delle serre ed alcune strutture industriali – .

Piano McMillan e la Senate Park Commission

Per rimediare a ciò, la Senate Park Commission pubblicò il Piano McMillan nel 1902, il quale reinventa definitivamente il National Mall e lo instaura come centro simbolico di un distretto federale più grande.

Questo piano di riqualificazione proponeva di creare un parco cruciforme, con l’edificio del Campidoglio che saldava l’estremità orientale dell’asse est-ovest e la Casa Bianca come invece punto fermo all’estremità settentrionale dell’asse nord-sud. Il piano eliminò anche il paesaggio vittoriano del National Mall e sostituì la “grande strada” di L’Enfant con la semplice distesa di erba larga circa 91 metri che vediamo oggi.

A fianco di questa area aperta, furono previsti una serie di musei e centri culturali in stile neoclassico. Sebbene il piano McMillan non sia stato attuato nella sua interezza, i suoi principi hanno guidato lo sviluppo di Washington DC nei successivi 100 anni.

Infatti, durante questo periodo il ruolo del National Mall è cambiato in quanto è diventato un luogo di ritrovo pieno di monumenti simbolici. Come suggerito dal Piano McMillan, il Mall fu esteso ad ovest e terminò con il Lincoln Memorial. Questo memoriale è una statua in onore di Abramo Lincoln che, insieme alla piscina riflettente, furono completati nel 1922.

Cosa vedere a Washington?

Monumenti e Memoriali

Oltre al Lincoln Memorial, alla Casa Bianca e all’Obelisco Washington, ci sono tanti altri monumenti e memoriali che vale la pena visitare a Washington. Nel 1943 venne infatti inaugurato il Jefferson Memorial, monumento costruito in onore di Thomas Jefferson, padre fondatore e terzo presidente degli Stati Uniti.

Per posizionare questo monumento direttamente in linea con la Casa Bianca, è stato necessario recuperare i terreni dal bacino di marea. La risultante terra instabile ancora oggi causa problemi.

A questo memoriale poi se ne sono aggiunti molti altri, tra cui:

  • il memoriale dei veterani del Vietnam nel 1982;
  • nel 1995 il memoriale dei veterani della guerra di Corea;
  • il Franklin Delano Roosevelt Memorial, un memoriale dedicato all’omologo 32º Presidente degli Stati Uniti d’America, nel 1997;
  • il memoriale della Seconda Guerra Mondiale nel 2004;
  • il Martin Luther King Memorial nel 2011.

Musei di Washington

Lungo il National Mall troverete anche numerosi edifici dello Smithsonian, importante complesso museale formato da un totale di 19 edifici. Andiamo a vedere insieme i più importanti musei che vanno a formare questo enorme impianto.

Museo Nazionale di Storia Naturale

Il National Museum of Natural History è un’impressionante collezione con artefatti e reperti di storia naturale. Si possono ammirare da esemplari di animali a geologia ed esposizioni di botanica.

Museo Nazionale di Storia Americana

Washington D.C. è una destinazione ideale per gli appassionati di storia, in particolare con il National Museum of American History.

Il museo è noto per la sua diversità nel catturare la lunga e ricca storia d’America. Come molti dei musei, ha programmi speciali per bambini, tra cui un laboratorio di innovazione che combina STEM, creatività e programmi teatrali storici.

La biblioteca più grande al mondo: la Library of Congress

Vista interna della maestosa biblioteca del congresso a Washington DC
La biblioteca del congresso americano

Un superlativo nel suo genere, la Library of Congress non è solo la più grande biblioteca del mondo, ha anche un fantastico museo.

Purtroppo questa attrazione è spesso trascurata dai turisti, che si riversano quasi tutti sui musei del polo Smithsonian. Un giro di 2 ore circa varrà sicuramente la pena! Poi, l’accesso è gratuito. Più info sul sito della biblioteca.

Il museo è aperto tutti i giorni dalle 08.30 alle 16.30, tranne la domenica. Tra le opere di valore storico custodite dalla LIbrary of Congress troverai una Bibbia di Gutenberg, una Bibbia originale di King James e persino un First Folio (le opere complete originali di Shakespeare).

Galleria d’Arte Nazionale

La National Gallery of Art è un museo d’arte nazionale a Washington che ospita tantissime collezioni di arte americana ed europea. Cosa si può vedere in questo museo?

Essendo uno dei più grandi musei degli Stati Uniti, la National Gallery è un punto focale nella comunità di storia dell’arte nel Distretto di Columbia.

Sono davvero tante le opere d’arte che si possono ammirare in questo museo, le più famose ed importanti a livello mondiale sono:

  • “Il Ponte Giapponese” di Claude Monet;
  • la “Ginevra de’ Benci di Leonardo da Vinci, unico quadro dell’italiano presente in tutti gli Stati Uniti d’America;
  • Multiverse, il tunnel sotterraneo mobile che collega la sezione di arte moderna nell’ala est al ritratti classici nell’ala ovest della National Gallery of Art;
  • l’autoritratto di Vincent Van Gogh.
Autoritratto di Van Gogh
Autoritratto di Van Gogh – National Gallery of Art

Museo del memoriale dell’Olocausto degli Stati Uniti

Il Museo del memoriale dell’Olocausto degli Stati Uniti è un memoriale vivente dell’Olocausto e del suo impatto sul mondo, che lo rende uno dei musei essenziali da visitare.

Lo scopo del museo è educare il pubblico sulle atrocità del genocidio e dell’intolleranza.

Come arrivare a Washington DC? Aeroporti principali

Capitale degli USA, Washington non poteva che essere molto ben servita di aeroporti. Infatti, sono addirittura tre gli aeroporti:

  • Dulles International: si trova appunto a Dulles e concentra i voli internazionali;
  • Ronald Regan National: ad Arlington, in Virginia anche, soprattutto per voli dentro gli USA;
  • Baltimore-Washington International Thurgood Marshall Airport, a Baltimora nel Maryland. Dei tre aeroporti è quello con il numero di passeggeri più grandi.

I passeggeri che atterrano a Washington partiti dall’Italia o dall’Europa, quindi utilizzando l’ESTA, quasi sicuramente lo faranno al Dulles International.

Dove si trova l’aeroporto Dulles?

A 42km dal centro della città, ormai nello stato della Virginia:

Con quasi 25.000.000 milioni di passeggeri all’anno (simile a quello di Milano Malpensa), l’aeroporto ha un collegamento diretto a Roma Fiumicino, con Alitalia.

Il check-in è fatto nel terminal principale. Poi esistono due grandi atri: A/B e C/D, dedicato esclusivamente ai voli United, che qui ha un hub. L’aeroporto è predisposto per operare il TSA PreCheck, favorendo i passeggeri frequenti.

I collegamenti con la città sono fatti in due modi:

  • Bus navetta: il Metrobus 5A parte dalla stazione Herndon-Monroe Park della metropolitana. Un’altra opzione, sempre da Herndon, è il Fairfax Connector, con le linee 981 e 983;
  • Taxi: operati esclusivamente da Washington Flyer. Lyft e Uber sono disponibili;
  • Metropolitana: è in costruzione l’allaccio con la rete della metro di Washington, possibilmente sarà aperta già nel 2021.

Curiosità sugli Stati Uniti e su Washington

In questa ultima sezione del nostro articolo andiamo a scoprire insieme alcune curiosità poco conosciute su Washington DC e sui suoi bellissimi memoriali.

  1. il Memoriale della Seconda Guerra Mondiale contiene una grande fontana, colonne con i nomi di ciascuno stato e territorio e 4.048 stelle d’oro, ognuna rappresentante 100 morti militari americani durante la guerra;
  2. il Congresso creò la Lincoln Monument Association due anni dopo l’assassinio di Lincoln. La costruzione del Lincoln Memorial però non iniziò fino al 1914. Le 36 colonne rappresentano ciascuno degli stati dell’Unione al momento della morte di Lincoln;
  3. nessun edificio a Washington D.C. può essere più alto dell’Obelisco Washington;
  4. George Washington fu sepolto a Mount Vernon con la sua famiglia per rispettare le sue volontà. Infatti, la sua cripta al Campidoglio è vuota;
  5. Woodrow Wilson è l’unico presidente sepolto a Washington DC. I suoi resti si trovano nella Cattedrale Nazionale;
  6. rimanendo in tema Lincoln Memorial, molte persone non sono consapevoli del fatto che è stato il luogo in cui Martin Luther King Jr. tenne il suo discorso “I Have a Dream” nel 1963. Qui una parte del discorso, dal canale YouTube Rare Facts:

Scopri di più:

Dubbi sull’ESTA? Leggi la nostra sezione delle FAQ.

Potrebbe interessarti: vacanze a Key West e le isole Keys in Florida?

Torna alla home page.