Gli hotel negli Stati Uniti richiederanno a breve la prova della vaccinazione

L’ESTA con prova di vaccinazione sarà ora necessaria per l’ingresso negli Stati Uniti ma lo sarà anche per l’hotel? Per ogni ingresso negli Stati Uniti è necessario avere un visto o richiedere un ESTA per gli USA.

Ricorda, se si viaggia negli Stati Uniti e non si dispone di un visto classico, è necessario richiedere un’autorizzazione elettronica.
 

La domanda per l’ESTA online

Se si sta pianificando un viaggio in America, il visto ESTA USA è uno di questi, perché senza questo documento o un visto classico per gli USA non si potrà iniziare il viaggio. Il visto elettronico ed il viaggio negli Stati Uniti.

Il sistema di autorizzazione elettronico è ora obbligatorio se non si dispone di un visto classico per gli Stati Uniti. È stato introdotto per motivi di sicurezza.

Il Dipartimento della Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti ha introdotto un visto elettronico per proteggere maggiormente il paese. ESTA è l’abbreviazione di “Sistema Elettronico per l’Autorizzazione al Viaggio” del Dipartimento della Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti.

Per richiedere l’ESTAsi deve presentare un test negativo Covid e l’ingresso in America sarà possibile.

Ora si può entrare negli Stati Uniti con un ESTA e un test Covid-19 negativo. Inoltre, ci sono già diversi vaccini per il Coronavirus che riporteranno la società alla normalità.

Ma anche con l’introduzione del vaccino, ci saranno regole speciali per i turisti all’estero. E come capire se in futuro un turista italiano negli Stati Uniti avrà bisogno di un certificato di vaccinazione per soggiornare in hotel?
 

Ritorno alla normalità?

È tempo di pausa natalizia e vacanze, ma quasi nessuno è autorizzato a fare il check-in in un hotel. Ciò che era inimmaginabile due anni fa è triste realtà di oggi a causa della crisi dovuta al Coronavirus.

Tuttavia, c’è un barlume di speranza: ora ci sono sempre più vaccini contro il Coronavirus. Ed è per questo che una delle più grandi campagne di vaccinazione nella storia dell’umanità è iniziata a dicembre 2020.

Le prime vaccinazioni sono state nel Regno Unito. Subito dopo anche il Canada e gli Stati Uniti hanno iniziato una campagna di vaccinazione. La prima vaccinazione contro il Coronavirus era già disponibile in Italia.

Dal momento che le vaccinazioni sono già disponibili, le speranze dei viaggiatori italiani stanno crescendo.

È possibile tornare presto alla normalità? Si può viaggiare di nuovo negli Stati Uniti come prima del Coronavirus?

Non proprio. Perché anche se il virus verrà sconfitto ad un certo punto, il mondo non sarà mai lo stesso di prima del Coronavirus.

Ma questo non significa che non si possa più andare in vacanza in uno dei paesi più belli della terra. In questo articolo vogliamo spiegare in modo più dettagliato come potrebbe essere in futuro una vacanza attraverso gli straordinari panorami degli Stati Uniti.
 

Gli Stati Uniti stanno aprendo le loro frontiere ai viaggiatori vaccinati

Aeroporto Internazionale JFK, New York

Gli Stati Uniti stanno aprendo le loro frontiere ai viaggiatori vaccinati

A partire da novembre 2021, gli Stati Uniti apriranno le loro frontiere ai voli internazionali. Più di due anni dopo la chiusura delle frontiere, la Casa Bianca ha annunciato che gli Stati Uniti sono pronti ad accogliere nuovamente i turisti stranieri.

L’unico requisito è che i turisti siano completamente vaccinati contro il Covid-19.

“Questo requisito di vaccinazione utilizza lo strumento migliore che abbiamo a nostra disposizione per mantenere le persone al sicuro e prevenire la diffusione del virus”, ha dichiarato Jeff Zients, coordinatore della risposta al Covid-19 della Casa Bianca. ”

I vaccini continuano a dimostrare di essere altamente efficaci, anche contro la variante delta, e il nuovo sistema ci consente di implementare protocolli rigorosi per prevenire la diffusione del Covid-19″.

Oltre ad essere vaccinati, sarà richiesto anche un test Covid-19 effettuato tre giorni prima della partenza.
 

Cosa stanno pianificando gli hotel negli Stati Uniti?

L’industria alberghiera sta attualmente affrontando diversi problemi seri. Il primo non inizia nemmeno con gli ospiti, ma con il proprio personale.

Perché l’intero settore sta attualmente discutendo se i dipendenti possono essere costretti a fare una vaccinazione contro il Coronavirus. Se ciò non fosse possibile, sarebbe inutile costringere gli ospiti a vaccinarsi.

La risposta è diversa ovunque. Negli Stati Uniti, sarà quasi impossibile per gli operatori alberghieri introdurre vaccinazioni obbligatorie per loro conto. Perché proprio come in Italia, lì si applicano leggi molto severe sulla sicurezza sul lavoro.

Allo stesso tempo, il governo americano ha già annunciato che non ci sarà alcun obbligo generale di vaccinazione nel paese. Questo attualmente rende quasi impossibile per gli albergatori rendere obbligatoria una vaccinazione.

Tuttavia, c’è ancora la possibilità che il governo americano possa introdurre la vaccinazione obbligatoria per le aree particolarmente a rischio. Ad esempio, per ospedali e case per anziani.

Oppure solo per ristoranti e hotel. Quindi è naturalmente possibile anche per gli hotel, a questo punto, richiedere la prova della vaccinazione ai propri ospiti.
 

Sarà richiesto un certificato di vaccinazione quando si fa il check-in in albergo?

Nel caso degli hotel, è attualmente ancora difficile rispondere a questa domanda.

Perché, questa volta, gli albergatori non sanno ancora come trattare con i loro ospiti internazionali. Dopotutto, la distribuzione del vaccino è diversa ovunque.

Inoltre, resta da vedere se gli Stati Uniti introdurranno la vaccinazione obbligatoria per le zone a rischio. In tal caso, sarebbe molto probabile che un turista italiano dovrà mostrare il certificato di vaccinazione.